Fellinesque” e` un attributo internazionale, molto diffuso nel linguaggio americano, coniato per definire lo stile dei personaggi e delle scenografie del maestro di Rimini. “L’aggettivo – secondo Gianfranco Angelucci – riguarda soprattutto creature prive di collocazione, come Gelsomina, Cabiria, Giudizio, fino ai due clochard che danzano nella sequenza conclusiva di La voce della lunaCosì, invece, il maestro definisce il senso di felliniano: 9 Il wonder bra fu inventato a Parigi nel ’61 dallo stilista canadese Louise Poirier e rilanciato negli anni novanta con la testimonial Eva Herzigova. 10 Per la storia della Dolce vita vedi dolcevita in Vergani G. (a cura di), Dizionario della moda, Baldini Castoldi Dalai, Milano 2003, p. 350; A. Magista`, Dolce vita GossipBruno Mondadori, Milano 2007. 11 Il rapporto tra l’omosessualita` e l’evoluzione della moda e` stato analizzato dalla mostra A Queer History of Fashion: From the Closet to the Catwalk, Museum of the Fashion Institute of Technology, New York 13 settembre 2013-4 gennaio 2014. Vedi anche il catalogo Steele V., A queer History of Fashion: From the Closet to the CatwalkYale University Press, New Haven, London 2013. Sono lusingato e divertito. Mio padre voleva che facessi l’ingegnere, mia madre il vescovo e io sono diventato un aggettivo. Non so cosa voglia dire Fellinesque, immagino si riferisca a qualcosa di opulento. Stravagante, onirico, bizzarro, anormale, patologico, nevrotico, fregnacciaro… Si forse fregnacciaro e` la cosa che mi sembra corrisponda di piu`.12