Il tartan è un tessuto finestrato tipico del tailoring anglosassone indossato dal regista e dai suoi attori. Già nei primi lavori per La Domenica del Corriere, Fellini veste i suoi personaggi con questa fantasia, come nella vignetta Gli spiritosi del 20 febbraio 1938. Da ricordare la scena di Le notti di Cabiria quando Amedeo Nazzari, giunto a casa, si toglie la giacca dello smoking per indossare una vestaglia a disegni tartan. La telecamera entra nei favolosi meandri dell’armadio con porte elettriche e luci interne. “Fellini –ricorda Angelucci- mi disse che quella sequenza era ispirata all’affascinante guardaroba dell’attore: una parata di rara eleganza ideale per sottolineare la dimensione fiabesca di un personaggio divinizzato dal pubblico”.

Per certi versi un antefatto di un’altra memorabile sequenza: quella del film American Gigolò in cui l’attore Richard Gere prepara il suo look, spargendo sul letto abiti firmati.