Dalla passerella di Bottega Veneta a quelle di Parigi, si sperimenta una terza dimensione con cannoli e giochi di pieghe che strizzano l’occhio all’obi giapponese: scomposto e ricomposto in abiti scultura.